×

Attenzione

Direttiva europea 2009/136/CE: tutela della vita privata nelle comunicazioni elettroniche

Questo sito utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la gestione ed altre funzioni. Navigando all'interno di questo sito lei accetta che questo tipo di cookies vengano inviati al suo browser.

Non ha accettato che i cookies vengano scaricati sul suo computer. Se vuole può cambiare questa decisione.

LA CITTA’ VIVE NELLE PARTI: I QUARTIERI

12 – L’impegno per ogni quartiere

12.1 Filo diretto

L’attenzione che porremo al territorio di Segrate, come delineata nei punti precedenti, si declina nella specificità di ogni quartiere.
I nostri obiettivi sono:

  • affidare a ciascun assessore, oltre alla delega sui settori amministrativi, il compito di fare da referente con un quartiere. Sarà a lui che i residenti del quartiere potranno rivolgersi in modo da avere risposte dirette, certe e responsabili;
  • tenere incontri pubblici periodici dell’Amministrazione in ciascun quartiere.

12.2 Quartiere per quartiere

A integrazione di quanto esposto nei punti programmatici di interesse generale, indichiamo alcuni dei più pressanti temi qualificanti dell’azione che la nuova Amministrazione svolgerà nei quartieri.
Ci impegniamo in generale a verificare con cura la qualità dei lavori che vengono svolti sui beni pubblici, dalla grande alla piccola manutenzione di strade, edifici, aree verdi, etc., in modo da salvaguardare il denaro pubblico e migliorare il servizio ai cittadini, come una buona Amministrazione deve fare.


Boffalora

La nuova Amministrazione intende svolgere un ruolo propositivo con la proprietà, per cercare di risolvere le note criticità del quartiere.

  • strade
    • adeguamento della viabilità e dei servizi stradali
  • ciclabili
    • ricucire il territorio della Boffalora con il resto della ciclabilità di Segrate
  • aree pubbliche
    • dotare il quartiere di opportuni spazi di aggregazione per giovani e famiglie
  • trasporti
    • migliorare l’accesso ai trasporti pubblici
  • sicurezza
    • maggiore attenzione alla sicurezza

Lavanderie

  • strade
    • razionalizzazione della viabilità complicata da poco realizzata dall'attuale amministrazione, per semplificare il transito nelle vie del quartiere a favore dei residenti e disincentivare il traffico di attraversamento (soprattutto dei mezzi pesanti)
  • aree pubbliche
    • manutenzione dei parchetti e luoghi pubblici, garantendo maggiore illuminazione e sicurezza
  • rumore
    • monitoraggio e riduzione del rumore proveniente dalla zona industriale

Milano 2

La specificità del quartiere sarà tutelata con attenzione, nel corretto dialogo con i residenti, e verranno fermati i nuovi insediamenti previsti dalla precedente Amministrazione ai confini del quartiere, onde mantenere il giusto equilibrio tra costruito e aree verdi, sulla scia delle migliori esperienze urbanistiche europee.

  • strade
    • realizzare un breve svincolo diretto dalla Cassanese verso Milano 2 nei pressi della rotonda dell’areoplanino, in direzione Milano, per ridurre le code alla rotonda, favorendo il normale deflusso del traffico già esistente; revisione dell’accesso al San Raffaele e all’AMSA; opportuna limitazione della velocità lungo la strada di spina
  • aree pubbliche
    • manutenzione delle aree pubbliche e dei giardini delle scuole
  • sicurezza
    • maggiore attenzione alla sicurezza
  • parcheggi
    • razionalizzazione del piano dei parcheggi
  • pulizia e decoro urbano
    • migliorare la pulizia del quartiere relativamente alle aree di competenza comunale
  • trasporti
    • miglioramento trasporti pubblici verso Milano: frequenza e pensiline

Novegro e Tregarezzo

  • strade
    • adeguamento viabilità (ed es. messa in sicurezza dell’incrocio tra via Baracca e SP14); adeguamento illuminazione; impedire il traffico di attraversamento lungo il controviale di Tregarezzo e agevolare l’attraversamento pedonale
  • ciclabili
    • miglioramento della rete ciclabile, onde garantire accessi sicuri all’Idroscalo e a Milano attraverso via Corelli
  • aree pubbliche
    • adeguamento dei parchi giochi e dei luoghi di aggregazione
  • sicurezza
    • lotta alla microcriminalità, anche attivando progetti per i giovani
  • pulizia e decoro urbano
    • pulizia di strade, marciapiedi e aree verdi; ordinanza per rimediare all’incuria in cui versa la Cascina Bruciata (proprietà privata)
  • rumore
    • monitoraggio rumore anche proveniente dai luoghi privati (Luna Park, discoteche) e soprattutto a Tregarezzo, e adeguamento delle opere di mitigazione

Il quartiere Tregarezzo, in particolare, fortemente penalizzato dall’ampliamento della Strada Rivoltana, via d’accesso all’autostrada Brebemi, e abbondantemente trascurato dalla precedente Amministrazione, richiede specifiche attenzioni. La nuova Amministrazione si impegna a studiare la fattibilità di possibili progetti di delocalizzazione e in generale a mettere in campo ogni iniziativa possibile per migliorare la qualità della vita di questa frazione.


Redecesio

Il quartiere di Redecesio, come pure per certi versi Lavanderie, non è stato purtroppo adeguatamente protetto nell’ultimo quinquennio. Alle già note criticità riguardanti il rumore (aerei, ferrovia, camion), si sono affiancati interventi ormai irreversibili quali la nuova area prevalentemente commerciale tra Segrate e Milano, non ancora completata. Oltre a quanto qui sotto espresso, guarderemo con attenzione alla possibilità di recupero per la fruizione pubblica del laghetto di Redecesio, di proprietà dell’ATM.

  • strade
    • revisione della viabilità e in particolare: riqualificazione di via Lazio; valutazione dell’impatto del traffico prodotto dall’accesso al centro intermodale; moderazione della velocità negli accessi al centro sportivo Don Giussani
  • sicurezza
    • incrementare la presenza della Polizia Locale e maggiore vigilanza delle forze dell’ordine
  • pulizia e decoro urbano
    • pulizia soprattutto nelle aiuole e nei parchetti; manutenzione parchi gioco
  • rumore
    • analisi sorvolo aerei per riduzione rumore e verifica rispetto delle regole; valutazione di possibili accordi con le Ferrovie dello Stato per ridurre il rumore dell’intermodale (ipotesi: barriere antirumore, motrici elettriche)

Rovagnasco

Un problema particolarmente avvertito dal quartiere riguarda il traffico di attraversamento, che interessa soprattutto via Monzese. La precedente Amministrazione ha progettato una variante della Via Monzese come collegamento a nuovo grande quartiere (circa 3000 abitanti) che secondo la previsione del PGT dovrebbe sorgere sul Golfo Agricolo. Al momento il progetto è stato fermato dalla sentenza del TAR che ha annullato il PGT. Noi crediamo che, prima di aprire una nuova strada consumando nuovo suolo, il solo atteggiamento responsabile verso tutti i cittadini consista in un’attenta verifica della sua effettiva necessità e del suo impatto ambientale (come peraltro ha richiesto la stessa sentenza del TAR). Si deve verificare da dove vengono e dove vanno i veicoli interessati, quanti di essi utilizzerebbero la variante o cercherebbero comunque di attraversare il Villaggio; quali sarebbero le ricadute sui percorsi alternativi.
Nell’attesa della conclusione della vertenza giudiziaria sperimenteremo comunque misure alternative come l’attivazione di Zone a Traffico Limitato, attentamente monitorate.
Tutto ciò sarà fatto in un percorso decisionale condiviso con trasparenza con la cittadinanza.
Sono oltre vent’anni che questo problema viene dibattuto: il modo di fare che noi prospettiamo è quello di arrivare alla soluzione migliore nel modo migliore.

  • strade
    • riqualificazione e messa in sicurezza della via Monzese; disincentivazione del traffico di attraversamento (come indicato); manutenzione stradale
  • aree pubbliche
    • gestione e pulizia del parco Alhambra; sostituzione panchine ivi e nel parco ai caduti di Nassirya; sistemazione del campo da bocce
  • pulizia e decoro urbano
    • migliorare la pulizia del quartiere, soprattutto cestini e parchi pubblici

San Felice

Il quartiere San Felice ha subito in questi anni numerosi disagi dovuti all’ampliamento della Strada Rivoltana, diventata la principale connessione tra la metropoli e la nuova autostrada Brebemi, a cui si aggiungono progetti di edificazione approvati nelle aree prospicienti l’ingresso del quartiere.
La specificità del quartiere sarà tutelata con attenzione, nel rispetto dell’aspetto privato che lo caratterizza, nel corretto dialogo con i residenti e i loro rappresentanti.
Tema importante che coinvolge anche questo quartiere sarà il rinnovamento della stazione di Segrate e la sua raggiungibilità.

  • strade
    • mettere in sicurezza, anche per i ciclisti, la rotatoria sotto la Rivoltana
  • ciclabili
    • incrementare e razionalizzare il sistema di piste ciclabili esistenti, realizzando i collegamenti con quelle dei Comuni confinanti, prioritaria la connessione con San Bovio
  • aree pubbliche
    • manutenzione delle aree pubbliche e dei giardini delle scuole
  • sicurezza e servizi
    • è riconosciuto il perimetro chiuso di San Felice; sicurezza in uscita dei ragazzi dalle scuole; proposta di servizi quali Pedibus o Bicibus
  • rumore
    • monitoraggio del rumore (con opportune centraline), sia nella parte nord sia a sud del quartiere, e attuazione di contromisure idonee; verificare il rispetto delle rotte aeree verso sud

Segrate centro

  • strade
    • messa in sicurezza delle rotonde lungo la Cassanese e relative uscite; manutenzione marciapiedi; adeguamento della segnaletica stradale, inclusa quella ciclo-pedonale; disincentivazione del parcheggio selvaggio (doppia fila) in alcune zone
  • ciclabili
    • verifica periodica dei fondi stradali; connessione ciclabile via Morandi con attraversamento Cassanese
  • aree pubbliche
    • sistemazione del cimitero; riqualificazione dell’area della stazione/Village; riqualificazione delle aree ludiche del parco Europa
  • sicurezza
    • maggiore attenzione alla sicurezza
  • pulizia e decoro urbano
    • razionalizzazione pulizia delle strade per agevolare i cittadini
  • rumore
    • monitoraggio del traffico di alcune arterie quali via Morandi
  • trasporti
    • razionalizzazione dei percorsi dei mezzi pubblici; servizio verso la stazione

Uno dei problemi più gravi di Segrate Centro riguarda il traffico intenso lungo la via Morandi durante le ore di punta. È chiaro che tale problema si inquadra in un piano organico di gestione della mobilità e nell’apertura della viabilità speciale (nuova Cassanese).
È di fondamentale importanza la riqualificazione e messa in sicurezza del centro direzionale di Milano Oltre, il cui utilizzo va promosso.


Villaggio Ambrosiano e Quartiere dei Mulini

Un problema particolarmente avvertito riguarda il traffico di attraversamento, che interessa soprattutto via Manzoni – via San Carlo. La precedente Amministrazione ha progettato una variante della Via Monzese come collegamento a nuovo grande quartiere (circa 3000 abitanti) che secondo la previsione del PGT dovrebbe sorgere sul Golfo Agricolo. Al momento il progetto è stato fermato dalla sentenza del TAR che ha annullato il PGT. Noi crediamo che, prima di aprire una nuova strada consumando nuovo suolo, il solo atteggiamento responsabile verso tutti i cittadini consista in un’attenta verifica della sua effettiva necessità e del suo impatto ambientale (come peraltro ha richiesto la stessa sentenza del TAR). Si deve verificare da dove vengono e dove vanno i veicoli interessati, quanti di essi utilizzerebbero la variante o cercherebbero comunque di attraversare il Villaggio; quali sarebbero le ricadute sui percorsi alternativi.
Nell’attesa della conclusione della vertenza giudiziaria sperimenteremo comunque misure alternative come l’attivazione di Zone a Traffico Limitato, attentamente monitorate.
Tutto ciò sarà fatto in un percorso decisionale condiviso con trasparenza con la cittadinanza.
Sono oltre vent’anni che questo problema viene dibattuto: il modo di fare che noi prospettiamo è quello di arrivare alla soluzione migliore nel modo migliore.

  • strade
    • messa in sicurezza delle rotonde lungo la Cassanese e relative uscite; razionalizzazione della viabilità e dei sensi unici; disincentivazione del traffico di attraversamento (come indicato); manutenzione di Via Morelli e limitrofe; rifacimento del manto stradale e dei marciapiedi pericolosi di alcune vie del Villaggio
  • aree pubbliche
    • manutenzione delle aree pubbliche e salvaguardia delle aree verdi esistenti
  • sicurezza
    • incrementare la sicurezza del quartiere
  • pulizia e decoro urbano
    • adeguato piano di disinfestazione contro le zanzare con coinvolgimento/informazione dei cittadini; razionalizzazione del piano di pulizia strade
  • elettrodotti
    • verifica della possibilità di interramento degli elettrodotti

(torna all'inizio)