×

Attenzione

Direttiva europea 2009/136/CE: tutela della vita privata nelle comunicazioni elettroniche

Questo sito utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la gestione ed altre funzioni. Navigando all'interno di questo sito lei accetta che questo tipo di cookies vengano inviati al suo browser.

Non ha accettato che i cookies vengano scaricati sul suo computer. Se vuole può cambiare questa decisione.
Stampa

milano4youSegrate, 17 febbraio 2017

La storia della Boffalora inizia il 20 dicembre del 2004, quando la maggioranza di centrodestra con la delibera 145 approva definitivamente il piano integrato d'intervento denominato (PII) "Cascina Boffalora": un'enorme area verde segratese al confine con Pioltello e con il suo "Parco delle Cascine" viene destinata ad ospitare Santa Monica, un nuovo quartiere di quasi tremila abitanti.

A causa di mancati controlli sulle fideiussioni, sulle autorizzazioni a costruire, per l'imperizia dei costruttori, in tredici anni, nell'area in gran parte abbandonata, vengono costruiti solo quattro palazzi dove duecento famiglie sono costrette ad affrontare enormi spese condominiali senza avere né servizi né strutture pubbliche degne di questo nome.

E' toccato all'Amministrazione Micheli rimettere insieme i pezzi e, dopo una difficile trattativa con la proprietà del terreno, si è riusciti ad ottenere risultati importanti.
La nuova volumetria prevista è stata pressoché dimezzata rispetto al progetto originario, il tratto più a nord tornerà a verde diventando un'area a parco e per gli attuali residenti si apre la prospettiva di interventi risolutivi.

E il centrodestra? Che fanno gli attuali rappresentanti dell'area politica che nel corso di un decennio ha voluto, votato e mal gestito quella sconsiderata iniziativa? Collaborano, portano contributi di idee, proposte, suggerimenti?
Niente affatto: se ne vanno.

Il 17 ottobre 2016, quando il nuovo progetto residenziale è stato adottato dal Consiglio Comunale, i rappresentanti del centro destra se ne sono andati dopo aver chiesto improvvisamente di rimandare la discussione di un altro mese o due.
Ieri, 16 febbraio 2017, gli stessi hanno abbandonato la commissione consiliare "Territorio" - dove veniva presentata la delibera di approvazione finale del progetto - dando come motivazione le proprie riflessioni sulla discussione che ha accompagnato la recente sostituzione del vicesindaco.
Dove sta la tanto sbandierata attenzione ai bisogni dei cittadini di Boffalora? E dove la cura del territorio della città? E il senso della responsabilità?

Lunedì 20 febbraio 2017 la delibera di approvazione definitiva del PII sarà sottoposta alla votazione del Consiglio Comunale; è un atto complesso e il contributo di tutti può servire a migliorarlo: speriamo che i Consiglieri di centrodestra non decidano di trovare un nuovo motivo per allontanarsi.

L'arte della fuga lasciamola a Bach.

Marco Italia
Segretario di Segrate Nostra

Categoria: comunicato 2017