×

Attenzione

Direttiva europea 2009/136/CE: tutela della vita privata nelle comunicazioni elettroniche

Questo sito utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la gestione ed altre funzioni. Navigando all'interno di questo sito lei accetta che questo tipo di cookies vengano inviati al suo browser.

Non ha accettato che i cookies vengano scaricati sul suo computer. Se vuole può cambiare questa decisione.

attilio sprelaMi presento: sono Attilio Sprela, ho 57 anni e abito a Milano2 da quando ne avevo 18.
Sono sposato, ho una figlia ed un bellissimo gatto.
Sono laureato in Ingegneria e ho lavorato in IBM, in una azienda informatica presso l’ospedale San Raffaele e ora sono un dirigente di Digicamere, una società di servizi della Camera di Commercio di Milano, dove mi occupo prevalentemente di organizzazione e di servizi informatici.
Ho deciso di vivere a Segrate con la mia famiglia per quello che offre: per la qualità della vita, per le proposte formative e culturali e per le opportunità presenti sul territorio.
Ho anche fatto parte del Consiglio pastorale della mia parrocchia, quella di Dio Padre, per due mandati .
Una vita a Segrate: ieri come ragazzo, poi giovane coppia, oggi come famiglia.
Mi candido come consigliere per Segrate nella lista civica di Segrate Nostra di cui faccio parte da anni, condividendo i suoi ideali ed il suo impegno in particolare per la salvaguardia del territorio (sono uno dei 50 firmatari del ricorso per la salvaguardia del Golfo Agricolo) e per il buon governo della città.
Un argomento che mi sta particolarmente a cuore, inoltre, è l’evoluzione delle infrastrutture tecnologiche di Segrate che potrebbero agevolare l’autoimprenditorialità, aumentare l’attrattività per le piccole imprese e, non ultimo, garantire per tutti formazione e partecipazione attiva come cittadini di Segrate e del mondo.
Segrate ha un patrimonio unico in Italia con eccellenze nel campo della sanità, dell’ imprenditoria, della qualità della vita: è un patrimonio che senza interventi corretti è destinato ad impoverirsi.
Vorrei mettere a disposizione la mia competenza e la mia esperienza maturate nelle società di servizi e nella Pubblica Amministrazione, per invertire questa deriva negativa e per dimostrare che con una buona amministrazione, trasparente e partecipata si possono gettare fondamenta solide per prendere il nostro posto nella Città Metropolitana con credibilità e coerenza.